Acido Folico, da prendere anche prima di rimanere incinta. Lo sapevi?

Lo sapete che l’acido folico bisognerebbe iniziare ad assumerlo appena si inizia a progettare un bambino?
Nuove indicazioni scientifiche lo dicono. Si consiglia di cominciare ad assumerlo almeno un mese prima di rimanere incita, meglio tre. E proseguire per tutto il primo trimestre di gravidanza.

Per voi una breve guida informativa dove vi spieghiamo perché assumere acido folico è fondamentale per una crescita sana del vostro bambino.
Voi avete altre domande da sottoporci?

ACIDO FOLICO: COS’È?

L’acido folico è una vitamina del gruppo B contenuta nella frutta e nella verdura.

L’acido folico è molto importante per l’organismo. Viene utilizzato dal nostro corpo per la riproduzione di cellule, per questo è molto importante per la crescita del vostro bambino.

Alimenti naturalmente ricchi di acido folico sono, per esempio, le verdure a foglia verde (spinaci, broccoli, asparagi, lattuga), i legumi (fagioli, piselli), la frutta (kiwi, fragole e arance) e la frutta secca (come mandorle e noci).

Tra i cibi di origine animale, il fegato e altre frattaglie hanno contenuti piuttosto elevati in acido folico come anche alcuni formaggi e le uova. Tutti cibi però da consumare però in porzioni limitate e non frequenti.

La conservazione, la preparazione e la cottura di questi alimenti possono distruggere gran parte dei folati presenti nei cibi stessi.

Se a questo aggiungiamo che il nostro organismo non è in grado di immagazzinare grandi quantità di acido folico, capiamo immediatamente come la quantità assunta con la solo dieta non è sufficiente, specie durante una gravidanza.

Ed è necessario integrare con un ulteriore dose.

PERCHÉ assumere acido folico?

In Italia solo un nato su 1.000 presenterà una malformazione del tubo neurale.

Studi scientifici dimostrano che l’assunzione di acido folico abbassa tale probabilità.

Le malformazioni più comuni del tubo neurale che si riscontrano più di frequente sono la spina bifida, conseguenza del fallimento dello sviluppo normale della colonna vertebrale e l’anancefalia che deriva da un anormale sviluppo del cranio e del cervello.

Assumere regolarmente acido folico riduce notevolmente il rischio di queste malformazioni. Ricordatevi di iniziare ad assumerlo subito, appena iniziate a progettare di avere un bambino. E proseguito per tutto il primo trimestre di gravidanza.

di quanto acido folico abbiamo bisogno?

Il fabbisogno indispensabile per la maggior parte delle donne sane corrisponde a 0,4 mg al giorno.

In casi particolari di gravidanza a rischio (come ad esempio per le donne diabetiche già prima della gravidanza, o che usano farmaci per epilessia) o nei casi in cui vi sia stato un precedente figlio con un difetto del tubo neurale o vi sia una familiarità per tali malformazioni, si consiglia un dosaggio più alto (fino 5 mg).

ATTENZIONE!!! E’ importante confrontarsi e chiedere sempre consiglio al proprio ginecologo sul prodotto da utilizzare e sul dosaggio da assumere.

PER QUANTO TEMPO DOBBIAMO ASSUMERLO?

Per risultare efficace, l’assunzione a scopo preventivo di acido folico deve iniziare prima del concepimento o, ancora meglio, nel momento in cui viene sospesa la contraccezione e diviene possibile una gravidanza.

E’ infatti proprio entro le prime cinque settimane di gestazione che si completa lo sviluppo della spina dorsale e del cervello del feto.

L’abbiamo già detto più volte, ma vogliamo ripeterlo. Si raccomanda alle donne che non escludono la possibilità di rimanere incinta di assumere regolarmente almeno 0,4 mg di acido folico al giorno. Per ridurre il rischio di difetti congeniti è fondamentale che l’assunzione inizi almeno un mese prima del concepimento e continui per tutto il primo trimestre di gravidanza.

L’acido folico può spesso essere ripreso anche nel terzo trimestre per l’anemia da aumentato fabbisogno che spesso si potrebbe incontrare. Così come potrebbe essere necessario riprenderlo durante l’allattamento per reintegrare le quantità perse con il latte materno. Ci raccomandiamo, però, sempre di consultare il vostro ginecologo prima di assumerlo. E di valutare insieme con lui/lei l’opportunità, le modalità e il dosaggio.

 

Vi è piaciuto l’articolo? Vi è sembrato interessante? Avete altre domande da porci?

Per aPPROFONDIRE

Parlano di acido folico e gravidanza:
– Il Centro regionale di documentazione sulla salute perinatale, riproduttiva e sessuale SAPERIDOC
– L’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri
– EPICENTRO, il portale per l’epidemiologia della Sanità Pubblica 
– L’Istituto Superiore di Sanità
e tanti altri … 

 

 

One thought on “Acido Folico, da prendere anche prima di rimanere incinta. Lo sapevi?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.